A young Eritrean woman describes her journey to Germany

 

UK

We may intend to tell the truth, but the fact is that the truth is not always nice; very often it is shocking and unpleasant. We human beings come into the world to live, dream, and be joyful, but often we are unable to live in the circumstances or country in which we were born, and so we have to fight to make sure that what we want actually happens. My world is not like other people’s. I want more. I demand more. There is a thirst for the infinite in me, a constant anguish that I myself cannot understand. But when you are born in a poor country, always at risk of conflict, life takes another path, that of fear and desperation, and you fight to change all this. And so the time comes when you decide to take THE JOURNEY OF HOPE. You flee from a country where you cannot always go to school. You run from a country where you cannot work as you wish. You escape from a country that does not allow you to be who you ARE. You run, despite knowing that this journey of hope could hold in store death, hunger, thirst, and harassment. But you run just the same, because it is better to die rather than accept all this, better to die trying to change your life rather than accept all that without doing anything. Living means enjoying life, but because our life is illusory, we suffer instead of enjoying. The fight for existence is everywhere. The journey starts on the borderes of Eritrea up into a black pickup truck with thirty other people and the four men who have organized the journey. On the road for eight to ten hours. The truck stops to let us off in Sudan. We reach and enter a dark house with a number of rooms. We women are separated from men; in a room with fifty or a hundred other women. We wait there for days, weeks, some of us even for months, until we pay for the second journey. Usually we call some family member to pay the necessary price. As soon as the money arrives, the second journey starts, a trek across the desert, which takes six to eight days if you are lucky. The Sahara is hot by day, as hot as hell, while the nights are cold, so you can’t even feel your bones. We eat once a day. Then we reach Libya. Here too we are taken to a house with other women, girls, and children and wait for another payment to arrive. We wait. Some hope, others pray, and those like me dream. “I am a sceptic who believes in everything, a disillusioned woman full of illusions, a rebel who accepts all the evil in life with a smile” (Florbela Espanca). Then the day arrives after week of waiting. They take you by car to the coast and count you. If the numbers are right they decide to embark you, otherwise you have to wait. Once they have put together 200 or 300 people, off you sail in a small boat hoping to arrive safe and sound. You hope the sea will not be rough, that the engine doesn’t pack in, that the boat won’t capsize, and that you’ll make it to land again. What I said to myself every night was: you should not despair if the stars shine every night. And it was true: I did not despair, I was not afraid but rather excited. For the first time in my life I was doing something for myself, for my future, and all this gave me an energy I found hard to keep inside me; I wanted to explode. After about ten or twelve hours, the Italian helicoperts intercepted us and a large ship, I think Italian, arrived and we were taken aboard and landed in Italy. Here they took us to a large shed and gave us clothes, cutting ours up with scissors. They gave us something to eat and I stayed there a night before continuing my journey. I had other plans for myself. The time had not yet come to stop and I did not want to remain in Italy. So I decided to head for the railway station, but I could not catch a train because I had no money. So I walked. I passed by a library and decided to go in and started reading until a librarian came and said they were about to close. I was excited because I had entered a world I love, a world full of words, images, emotions, and dreams that only books can convey, so I went out happy and walked all night, wandering around the streets of Rome, looking at the people and lights of the city, full of happy smiling people, young people and elderly people enjoying the night air. I waited there two days. On the second day I met a girl in the park and started talking to her. I said I was looking for a way to go to Germany, and this was how I met my first kind person in Europe. Together with other friends of hers, she took me to the station and bought me a single ticket for Germany. I thanked them for the money, but above all for the gesture, for the humanity shown to me. These were real people. I have nothing except words and a heart and all that I want is for my eyes to be full of wonder. Here I had really seen love, the wonder of the human being. I departed for Germany. I departed with excitement, with a soul full of intensity that could hardly stay still. On my face was a big smile and I could barely contain this happiness. It was just too much for one heart alone. And as a great guru once said, “It is of course comfortable to travel first class, but if the train is not going in the right direction, what use is an air conditioned compartment?” These few words encapsulate my journey. It was not comfortable, it was not easy, it was not short, but it was the right direction. I am happy I took my decision. I would not change anything at all. i am happy to be here, but I know my journey is not over yet. I am where I wanted to be, but there is still a long way to go to be what I want to be, and I am happy to be ina a country where everyone can study and work and get where they want to be.

I

Si può essere intenzionati a esprimere la verità ma la verità non è sempre bella, anzi è spesso abbastanza impressionante e spiacevole. Noi esseri umani veniamo al mondo per vivere, sognare, amare e gioire, ma molto spesso accade che non ci è possibile vivere nella condizione o nel paese in cui nasciamo, non ci è consentito, e quindi combattiamo per far in modo che le cose che vogliamo accadano. Il mio mondo non è come quello degli altri, voglio di più, esigo di più, c’è in me una sete d’infinito, un’angoscia costante che io stessa non comprendo. Ma quando nasci in un paese povero sempre a rischio di guerra la vita prende un’altra strada, quella della paura, disperazione, e quindi combatti affinché tutto questo cambi. Ed ecco che arriva un giorno in cui ti decidi di affrontare IL VIAGGIO DELLA PERANZA. Scappi da un paese che non sempre ti permette di lavorare come vuoi, scappi da un paese che non ti permette di essere chi SEI. Scappi nonostante tu sappia che in questo viaggio della speranza ti può attendere di tutto: morte, fame, sete e molestia, ma scappi comunque perché è meglio morire piuttosto che accettare tutto questo, meglio morire cercando di cambiare la tua vita, piuttosto che accettare tutto questo senza fare nulla. Vivere significa godere della vita, ma poiché la nostra vita è illusoria, soffriamo invece di godere. La lotta per l’esistenza si trova dappertutto. Il viaggio incomincia dai confini dell’Eritrea stando su un Pick up nero con dentro 30 persone più 4 uomini, un viaggio che dura da 8 a 10 ore. Ed ecco l’auto si ferma per farci scendere in Sudan, arriviamo ed entriamo in una casa buia con alcune stanze. Noi donne veniamo separate dagli uomini; ci mettono in una stanza con 50 o 100 donne e attendiamo lì per giorni, settimane, alcuni anche mesi, finché non paghiamo per il secondo viaggio. Di solito chiamiamo qualche famigliare perché paghi la somma richiesta da loro, appena arriva il pagamento che si parte per il secondo viaggio che, se si è fortunati, dura 6 o 8 giorni, ora ci aspetta il deserto… Il Sahara di giorno caldo e fiammante che sembra quasi di essere all’inferno e di notte freddo e gelido da non farti più sentire le tue ossa, mangiando una volta al giorno. Per poi arrivare in Libia. Anche in questo caso veniamo condotti in una casa con altre donne, ragazze, bambine e attendiamo finché non arriva un altro pagamento. Attendiamo, chi spera, chi prega e ci come me sogna, “sono una scettica che crede in tutto, una disillusa piena di illusioni, una ribelle che accetta tutto, sorridente, tutto il male della vita” Florbela Espanca. Poi arriva il giorno dopo settimane di attesa, ti portano di nuovo in auto per condurti vicino al mare e li contano, se le persone arrivano a un certo numero decidono di imbarcarti se no bisogna attendere, quando arrivano a 200 o 300 persone decidono di partire, si parte con una piccola barca, e speri solo di arrivare sano e salvo, speri che non ci siano le onde, speri che il motore resista, speri di non ribaltarti, speri di toccare ancora terra. La cosa che mi dicevo ogni notte era: Non dovresti conoscere la disperazione se le stelle scintillano ogni notte, ed era vero non ero disperata, non avevo paura ero piuttosto esaltata, ero emozionata perché per la prima volta nella mia vita stavo contando per me stessa, per il mio futuro e tutto questo mi dava un’energia che facevo fatica a trattenere nel mio corpo, voleva esplodere. Dopo 10 o 12 ore gli elicotteri italiani ci intercettano ed arriva una grossa barca, credo italiana, saliamo e veniamo condotti nelle terre italiane, poi scendiamo dalla nave e ci conducono in un capannone, ci danno dei vestiti tagliando i nostri con delle forbici, ci danno da mangiare ed è lì che io resto una notte per poi andare per la mia strada, perché avevo altri progetti per me, non era ancora venuto il momento di fermarmi, non volevo fermarmi in Italia, è così che decisi di andare in una stazione di treni, ma non potei prendere il treno perché ero senza soldi. Quindi decisi di camminare per le strade, camminando vidi una biblioteca e decisi di fermarmi, entrai e mi misi lì seduta a leggere finché un commesso della biblioteca non venne a dirmi che stavano chiudendo. Ero emozionata, ero esaltata; entrai in un mondo che amo fatto di parole, immagini, emozioni e sogni che solo i libri di danno e uscii contenta e camminai per tutta la notte vagando per le strade di Roma, osservando la notte le persone, le luci della città piene di emozioni, di felicità, gente sorridente per le strade, giovani e anziani che vivono la notte. Aspettai lì per due giorni e il secondo giorno incontrai una ragazza nel parco e iniziai a parlarci e le dissi che stavo cercando un modo per andare in Germania; è così che conobbi la mia prima persona gentile in Europa, piena di opportunità, e mi portò alla stazione con altre sue amiche e mi presero un biglietto di sola andata per la Germania. Le ringraziai non per il denaro, “anche per quello”, ma soprattutto per il gesto, per l’umanità che mi dimostravano, persone vere, reali, io non possiedo nulla ma ho le parole, ho un cuore, e l’unica cosa che vuole è che i miei occhi siano inondati dalla meraviglia; e in quel momento di furore… per davvero vedevo l’amore, vedevo la meraviglia di essere umano. Partii per la Germania, partii con un entusiasmo, con una felicità e con l’anima intensa che facevo fatica a star ferma. Guardavo con il volto sorridente tutti i passeggeri, non potevo fermarmi, non riuscivo a trattenere questa mia felicità, era tanta, forse troppa per un cuore solo. E come disse un grande Guro: “E’ senz’altro molto comodo viaggiare in un vagone di prima classe, ma se il treno non va verso la direzione giusta, a che serve uno scompartimento climatizzato?”. Ed è in queste poche parole che è racchiuso il mio viaggio. Non era comodo, non era facile, non era breve, ma era quello giusto. Scomodo, difficile, lungo ma era giusto. Sono felice della mia decisione; non cambierei mai nulla, sono felice d’essere qui, ma so che il mio viaggio non è ancora finito. Sì sono arrivata dove volevo, ma so che mi attende un lungo percorso per diventare chi voglio e cosa voglio, e sono felice di essere in un paese che ti permette tutto questo. Un paese che ti permette di studiare, lavorare, di realizzarti ed è quello che voglio.