Homepage 2020-10-13T18:20:39+02:00

ON GOING PROJECTS

PRECIOUS CARGO, PRECIOUS WORLD
Art exhibition on board the AVONTUUR sailing ship
for the transport of goods with CO2 emissions ZERO…

WE ARE BRIGANTES
Fundraising project aimed at financing the construction of the SV-BRIGANTES sailing ship that with its 100 Tons of weight, will be the largest of a fleet of 12 cargo sailing ships that cross the  North Sea, the Americas, the Mediterranean and the Atlantic…

THINK BEYOND LIMITS!
Thinking beyond convention. Share your thoughts, ideas, creativity for creating together …

ON GOING PROJECTS

PRECIOUS CARGO, PRECIOUS WORLD
Esposizione d’arte a bordo del veliero AVONTUUR, un veliero per il trasporto di merci ad emissione CO2 ZERO…

WE ARE BRIGANTES
E’ un progetto di fundraising volto a finanziare la realizzazione del veliero SV-BRIGANTES che con le sue 100 Tonnellate di peso sarà il più grande di una flotta di 12 velieri cargo che percorrono i mari del nord, delle americhe, il Mediterraneo e l’Atlantico…

THINK BEYOND LIMITS!
Pensare oltre i limiti, oltre le convenzioni. Condividere i propri pensieri, le proprie idee per creare insieme…

IO FACCIO DESIGN.

Il progetto “Io faccio design.” nasce per far conoscere agli amatori del design le varie fasi del processo creativo.
Dai colloqui coi designer, visionabili al link web sotto riportato sono emersi due approcci fondamentali nel fare design: uno tecnico-industriale e uno più artistico che definiremo Artdesign che spesso ha a che vedere con quello che potremmo definire il “design artigianale”.
Quella tra il design industriale e l’Artdesign non è solo una differenza di approccio ma anche di intenzioni. Mentre il prodotto industriale è pensato per essere replicabile in scala, e risponde a delle necessità di utilizzo,  l’ “Artdesigner” si dedica alla realizzazione di pezzi unici, spesso portatori di un messaggio, a volte provocatorio, altre ironico, altre ancora semplicemente manieristico,  facendosi aiutare dall’artigiano nella realizzazione.
Link alle interviste

I DO DESIGN.

The project “I do design.” has been planned to inform design lovers on the creative process.
The project aims to communicate some aspects of creating design through a group of interviews.
From the interviews emerge two fundamental approaches to design:
a more technical one, related to industrial production and an artistic approach that involves “crafts design”.
The differences are due to the approach and to a different way of considering the final result.
While the technician designs a product that is first and foremost industrializable, and while doing so he/she is concentrated on object function, the “craftsman designer” or “Artdesigner” focuses on the creation of an objet d’art, i.e. an object whose primary function is to communicate a message.
The uniqueness of these artdesign pieces is also a consequence of the crafts production that’s unreplicable.
Link to interviews

MASTER THEATRE
COSTUME DESIGN
2018

ROYAL ACADEMY
OF FINE ARTS
ANTWERPEN

Exhibition: EXPLORING THE BORDERS BETWEEN COSTUME DESIGN AND VISUAL ARTS

Curator and exhibit design
Michela Codutti & Myriam van Gucht
Production
euroinnovators
Locations
Ex Caserma Pepe Venetian Lido
30 August – 9 September 2018
Partners
Royal Academy of Fine Arts Antwerpen, Venice Design Week, cultural association euroinnovators, Biennale Urbana, Positive Magazine (media partner)

Palazzo Mocenigo, Museum of Fabrics and Costume
Venice
6 – 14 October 2018
Partners
Royal Academy of Fine Arts Antwerpen, Museo di Storia del Costume e del Tessuto di Venezia, MUVE, Venice Design Week, cultural association euroinnovators, Positive Magazine (media partner)

The exhibitions present the works consisting of costumes, videos, images, drawings of 8 masters who have passed the course of Costume Design and Visual Arts 2018 of the Royal Academy of Fine Arts Antwerp.

The 8 masters and projects are:

Ruby Renteurs (Belgium) “Is perfection killing us?”

Cisse Royens (Belgium) “The landscape disappears, the view remains”

Vittoria Spadafora (Italy) “ Moving person”

Eleni Theodoropoulou (Greece) “Waiting room”

Elina Valdmane (Latvia) “Six ways to find your way home”

Sietske Van Aerde (Belgium) “1.000 costumes make one hell of a party”

Mieke Vandensande (Belgium) “Guide Lines”

Manuela Vilanova (Uruguay) “Invisible Unquiet Bodies, Still Silent”

The work of the eight graduates of the Master Theatre Costume Design presented in the exhibition is representative for the individual approach of the Antwerp Academy. Exploring the amazing life of bees, Ruby Renteurs designed costumes integrated in a playful series of videos. Cisse Royens positions costumes in different landscapes. Through photography and video, he manipulates the presence of the costume and the person that wears it. Vittoria Spadafora investigated what the influence of moving to Antwerp would be on her design. In a metaphorical way, her costumes became a kind of travel diary. Eleni Theodoropoulou questions the relationship between people and their personal space. ‘Chairifying a body and bodyfying a chair’ summarizes her project. Elina Valdmane designed costumes appealing to a number of senses that are linked to the subject of finding your way home, an essential aspect in the life of blind people. Sietske Van Aerde started drawing 1.000 possible costume designs and made a selection that were developed into sculptural costumes and presented in a movie. Mieke Vandensande made an installation that manipulates the movement of the people in the performance space. The project of Manuela Vilanova consists of a performative installation exploring the ghosts of her past. It aims to deconstruct and transform gender stereotypes created by submission, in a society she finds dominated by male interests.
Entrance to the exhibition in Venetian Lido is free. Entrance to the exhibition in Venice, Palazzo Mocenigo Museum of Fabrics and Costume is with reduced entrance ticket for those who take part in the guided tour organized on the 11th October 2018.
For more information visit:

http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=179464

https://events.veneziaunica.it/it/content/esplorando-i-limiti-tra-costume-design-e-arti-visive

http://mocenigo.visitmuve.it/it/mostre/archivio-mostre/esplorando-i-limiti-tra-costume-design-e-arti-visive/2018/09/18072/mostra-5/

Link to conference:

http://www.cineturismo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1963&Itemid=215&lang=en

MASTER THEATRE
COSTUME DESIGN
2018

ROYAL ACADEMY
OF FINE ARTS
ANTWERPEN

Esposizione: ESPLORAZIONE DEI LIMITI TRA IL COSTUME DESIGN E LE ARTI VISIVE

Curatrice e design espositivo
Michela Codutti & Myriam van Gucht
Produzione
euroinnovators
Location:
Ex Caserma Pepe Lido di Venezia
30 agosto – 9 settembre 2018
Partner
Royal Academy of Fine Arts Antwerpen, associazione culturale euroinnovators, Venice Design Week, Biennale Urbana, Positive Magazine (media partner)
Palazzo Mocenigo, Museo del Tessuto e del Costume Venezia
6 – 14 ottobre 2018
Partner
Museo di Storia del Costume e del Tessuto di Venezia, MUVE, Royal Academy of Fine Arts Antwerpen, Venice Design Week, associazione culturale euroinnovators, Positive Magazine (media partner).

Le due esposizioni presentano una selezione di costumi, video, immagini, disegni di 8 artisti che hanno superato il corso di Costume Design e Visual Arts 2018 della Royal Academy of Fine Arts di Anversa.

Gli 8 artisti e i loro progetti sono:

Ruby Renteurs (Belgium) “La perfezione ci sta uccidendo?”

Cisse Royens (Belgium) “Il paesaggio scompare e resta la prospettiva”

Vittoria Spadafora (Italy) “Persone in movimento”

Eleni Theodoropoulou (Greece) “Sala d’attesa”

Elina Valdmane (Latvia) “Sei modi per trovare la via di casa”

Sietske Van Aerde (Belgium) “1.000 costumi fanno un maledetto party”

Mieke Vandensande (Belgium) “Linee guida”

Manuela Vilanova (Uruguay) “Corpi invisibili e inquieti, Sempre in Silenzio”

Il lavori degli otto diplomati del Master Theater Costume Design presentati nella mostra è rappresentativo dell’approccio individuale dell’Accademia di Anversa.

Esplorando la straordinaria vita delle api, Ruby Renteurs ha progettato costumi integrati in una serie giocosa di video.

Cisse Royens posiziona i costumi in diversi paesaggi. Attraverso la fotografia e il video, strumentalizza la presenza del costume e della persona che lo indossa.

Vittoria Spadafora ha analizzato il modo in cui il trasferimento ad Anversa ha influenzato il suo lavoro. Metaforicamente parlando, i suoi costumi sono diventati una specie di diario di viaggio.

Eleni Theodoropoulou analizza il rapporto che c’è fra le persone e il loro spazio personale. Il suo lavoro riassume l’intento dell’artista di “rendere un corpo sedia e una sedia corpo”.

Elina Valdmane ha progettato una serie di costumi interessanti che sviluppano i sensi dell’orientamento per trovare la strada di casa, un aspetto essenziale nella vita dei non vedenti.

Sietske Van Aerde ha disegnato 1.000 possibili costumi e ne ha fatto una selezione che è stata sviluppata in costumi scultorei e presentata in un film.

Mieke Vandensande ha realizzato un’installazione che strumentalizza il movimento delle persone nello spazio della performance.

Il progetto di Manuela Vilanova consiste in un’installazione performativa che esplora i fantasmi del suo passato. Ha lo scopo di decostruire e trasformare gli stereotipi di genere, creati dalla sottomissione, in una società dominata da interessi maschili.

L’entrata alla mostra presso la Ex Caserma Pepe è gratuita. L’entrata alla mostra ospitata a Palazzo Mocenigo, Museo del Tessuto e del Costume di Venezia è a prezzo ridotto per coloro che parteciperanno alla visita guidata organizzata per l’11 ottobre 2018. Per maggiori informazioni contattare: info@euroinnovators.org

#MILANODAKAR
DESIGN AND GRAPHIC ART EXHIBITION

#MilanoDakar è una esposizione di diverse identità creative, (makers), italiane e africane con l’intento di offrire una visione dinamica del design contemporaneo in cui i lavori dei maker italiani e africani si valorizzano reciprocamente.

La selezione dei lavori dei maker africani ha lo scopo di consentire una nuova percezione del design africano nel contesto del mercato del design contemporaneo. Tale percezione viene suscitata dall’alta qualità manifatturiera e creativa dei lavori esposti.
I lavori selezionati di ambedue le realtà di maker sono realizzati con materiali quali il tessuto, il legno, il metallo, la ceramica, il vetro e si tratta di complementi d’arredo, tessuti, accessori, mobili e oggetti del quotidiano.
I lavori di design verranno integrati con lavori di arte grafica per dare una prospettiva più ampia delle due realtà creative italiana e africana.

#MilanoDakar ha luogo durante il Fuorisalone2018 nella miFAC GALLERY, che si trova all’interno di Palazzo SIAM, nel distretto delle 5Vie, centro storico di Milano.
L’esposizione è prodotta da Euroinnovators con la collaborazione di Artemest, www.artemest.com

Coordinatore distrettuale: 5Vie Art + Design Milano.
Curatrici e design espositivo: Michela Codutti maker italiani
Rebecca Hoyes maker africani. Rebecca Hoyes è membro di First Eleven Studio . Ha collaborato con Design Network Africa ed è lettrice alla Central Saint Martin University of Arts di Londra. Rebecca ha lavorato a svariati progetti creativi sull’Africa.
Graphic design: Vincenzo Insinga Minusarch
Articoli collegati:

http://www.ilgiornaledellarte.com/immagini/IMG20180327110017248.pdf

Domus Salone 2018
pag. 24-25

https://www.infoafrica.it/2018/04/18/milanodakar-al-fuori-salone-2018-insieme-per-la-bellezza-dellafrica/

https://aziende.amref.it/i-nostri-partners/scopri-i-partners/Milano-Dakar

https://www.euroinnovators.org/2018/2018/04/25/milanodakar-la-creativita-come-simbolo-di-integrazione/

 

#MILANODAKAR
DESIGN AND GRAPHIC ART EXHIBITION

#MilanoDakar is an exhibition of different creative identities (makers), Italians and Africans with the aim of offering a dynamic vision of contemporary design in which the makers enhance each other’s works.

The selection of works by African makers aims towards a new perception of African design in the context of the contemporary design market. This perception is aroused by the high manufacturing and creative quality of the works exhibited. The selected works of both African and Italian makers are made of materials such as fabric, wood, metal, ceramics, glass in furnishing accessories, fabrics, fashion accessories, furniture and everyday objects.
The design works will be integrated by graphic art with the intent of giving a wide perspective of African and Italian social dimensions.

#MilanoDakar will take place in miFAC GALLERY in Palazzo SIAM, in the Milano old town centre during the Fuorisalone2018, from 17th to 22nd April 2018.
The exhibition is produced by Euroinnovators in cooperation with Artemest.

District Coordinator : 5Vie Art+Design
Curators and exhibit design: Michela Codutti Italian Makers
Rebecca Hoyes
African Makers. Rebecca Hoyes has a history of working with African design projects. She has cooperated with Design Network Africa and is member of First Eleven Studio
Graphic Design: Vincenzo Insinga Minusarch

More articles:
http://www.ilgiornaledellarte.com/immagini/IMG20180327110017248.pdf

Domus Salone 2018
pag. 24-25

https://www.infoafrica.it/2018/04/18/milanodakar-al-fuori-salone-2018-insieme-per-la-bellezza-dellafrica/

https://aziende.amref.it/i-nostri-partners/scopri-i-partners/Milano-Dakar

https://www.euroinnovators.org/2018/2018/04/25/milanodakar-la-creativita-come-simbolo-di-integrazione/

euroinnovators Business & Servizi per Creativi

euroinnovators ha come finalità la promozione di artisti e designer. Per queste realtà, euroinnovators ricerca sponsor, pianifica strategie business, organizza eventi e partecipa a fiere di settore.
euroinnovators si avvale anche di collaborazioni con partner tecnici istituzionali e non a livello nazionale e internazionale.
euroinnovators è stata fondata nel 2014 da Michela Codutti, interior designer e talent scouter. Dal 2015 Michela Codutti collabora con varie figure professionali presenti sul territorio italiano e in ambito europeo allo sviluppo di nuove opportunità business per artisti e designer.

euroinnovators Business & Services for Creators

Founded by Michela Codutti in 2014, euroinnovators is committed to fostering the works of designers, artists and creative industry. euroinnovators finds sponsors, plans business strategies, events and attends fairs.
In addition euroinnovators co-organizes and co-produces calls and awards. euroinnovators cooperates with national and international institutional and non institutional partners.
Michela Codutti is an interior designer and talent scout. Since 2015 Michela Codutti cooperates internationally with professionals  in creating new opportunities for visibility of artists and designers
.

Michela Codutti

Michela Codutti è un interior designer che ha iniziato la sua attività di libero professionista nel 2007 e nel corso degli anni ha intrapreso varie collaborazioni con ditte, designer e artisti.
Parallelamente si è dedicata alla promozione e pianificazione di attività di affari focalizzandosi sui lavori di artisti e designer nell’ottica di creare e sviluppare nuove opportunità di affari attraverso esposizioni, eventi, la partecipazione a fiere di settore e la realizzazione di progetti di comunicazione specifici e concorsi.
Con il suo lavoro Michela Codutti intende contribuire ad incoraggiare e divulgare la creatività e a stimolare l’innovazione.
Eventi espositivi e di comunicazione organizzati e co-prodotti da Michela Codutti:
Creative Times San Eufemia Gallery Venezia Giudecca
Investigando i limiti tra Costume design e Visual art, Museo di Palazzo Mocenigo Venezia, Fondazione Musei Civici di Venezia
#MilanoDakar MiFac Gallery Milano
Progetto Simbiosi De’Longhi. Esposizione presso Museo MUDEC Milano
Musica Liquida, Museo di Palazzo Mocenigo Venezia, Fondazione Musei Civici di Venezia
Art & Design at Mag2017
Blue White & Red, Galerie Joseph Parigi
Artdesign @ Fuorisalone2017, MiFac Gallery Milano
Design Zone, villaggio di Portopiccolo, Trieste
Equilibri2016 – 2017, La Salizada Photo and Art Gallery Venezia
Tecnologie Indossabili 2016 e 2017, Museo di Palazzo Mocenigo, Fondazione Musei Civici Venezia.
Dal 2017 Michela Codutti collabora con gallerie d’arte e design alla promozione di lavori di artisti e designer. Ha esposto nella MiFac Gallery Milano (2017 e 2018), Galerie Joseph Parigi (2018), La Salizada Photo and Art Gallery Venezia (2017) e dal 2019 ha intrapreso una collaborazione con la San Eufemia Art Gallery Venezia Giudecca.
Per maggiori informazioni sulle esposizioni sopra riportate visitare la sezione del menu euroinnovators blog.

Michela Codutti

Michela Codutti is a interior designer graduate from Scuola Politecnica di Milano Di Salvatore. In 2007 Michela started her freelance activity and since then has undertaken partnerships with companies, galleries, designers and artists.
Michela Codutti is committed in promoting art and design works through the organization of exhibitions, events, participation in fairs, co-organization and co-production of specific communication projects and competitions.
With her work she intends to encourage creativity and innovation.
Michela Codutti co-productions, exhibitions and events:
Creative Times, San Eufemia Art Gallery Venice Giudecca
Investigating the limits between Costume design and Visual arts , Museo di Palazzo Mocenigo Venice,
Fondazione Musei Civici di Venezia
#MilanoDakar, MiFac Gallery Milano
Progetto Simbiosi De’Longhi. Final exhibition: MUDEC Milano
Musica Liquida, Museo di Palazzo Mocenigo Venice, Fondazione Musei Civici di Venezia
Art & Design at Mag2017
Blue White & Red, Galerie Joseph Paris
Artdesign @ Fuorisalone2017, MiFac Gallery Milano
Design Zone, Portopiccolo village, Trieste
Equilibri2016 – 2017, La Salizada Photo and Art Gallery Venice
Wearable Technologies 2016 – 2017,  Museo di Palazzo Mocenigo Venice, Fondazione Musei Civici Venezia.
Since 2017 Michela Codutti has cooperated with art and design galleries for promoting works of artists and designers. She has exhibited in MiFac Gallery Milano (2017-2018), Galerie Joseph Paris (2018), La Salizada Photo and Art Gallery Venice (2017), while since 2019 she has started a cooperation with San Eufemia Art Gallery Venice Giudecca.
For more information about mentioned exhibitions and events see euroinnovators blog section.

Associazione Culturale no-profit euroinnovators

L’associazione culturale no-profit euroinnovators nasce a gennaio 2018 con l’intento di promuovere le identità creative e culturali a livello nazionale e internazionale. L’associazione culturale euroinnovators si impegna ad organizzare mostre d’arte, esposizioni di design che hanno la funzione di ampliare le prospettive di visibilità dei creativi, artisti e designer tramite la realizzazione di partenariati con stakeholder istituzionali e privati. Così facendo l’associazione euroinnovators intende creare un network di creativi italiani e di altri paesi europei e non europei e incentivare la collaborazione fra le varie idendità creative e culturali europee e non europee.
Per fare ciò l’associazione culturale euroinnovators si avvale della collaborazione di professionisti di settore che lavorano insieme alla realizzazione di progetti specifici, fra cui progetti indetti dalla Comunità Europea.

L’associazione eurinnovators svolge anche attività di fund raising per consentire la realizzazione di mostre d’arte, workshop, esposizioni di design, conferenze e altre attività socio-culturali volte a promuovere la creatività quale fonte d’ispirazione dell’innovazione e fattore accomunante.

Per informazioni in merito alle attività dell’associazione euroinnovators contattare: info@euroinnovators.org
Michela Codutti

Cultural Association no-profit euroinnovators

The no-profit cultural association euroinnovators was founded in January 2018 with the aim of promoting creative and cultural identities at national and international level.
euroinnovators cultural association is committed to organizing art and design exhibitions for widening the visibility perspectives of artists and designers through the organization and planning of partnerships with institutional and private stakeholders.
In doing so, euroinnovators cultural association intends to create a network of Italian and other European and non-European creators and to foster collaboration between the various European and non-European creative and cultural industries.
In order to make it possible, euroinnovators cultural association cooperates with professionals who work together on specific projects, including projects organized by the European Community.
eurinnovators cultural association planns and organizes fund raising activities to allow the realization of art exhibitions, workshops, design exhibitions, conferences and other socio-cultural activities that promote creativity as a source of inspiration for innovation and associative factor at national and international level.
For more information on association activities please contact: info@euroinnovators.org
Mrs. Michela Codutti