/, cultura, design, weekend bites/Muenchen Mon Amour

Muenchen Mon Amour

(Ness)un messaggio
a questo numero


Sono arrivata a Monaco di Baviera  nell’estate del 2008.  Ero partita spinta dal desiderio di incontrare Robert, un uomo col quale avevo avuto una inusuale relazione via cellulare. La nostra era una attrazione fatale, una art performance, dalla quale successivamente è nata la sceneggiatura per un film. Tutto era iniziato qualche tempo prima a Venezia in circostanze, oserei dire assai misteriose che però in nulla anticipavano il finale anticonvenzionale di questa storia d’amore.
Lo incontrai ad una conferenza sull’isola di San Servolo, dove c’eravamo a lungo sfidati con lo sguardo. Poi, spinta dalla curiosità, lo avevo cercato via mail. E fu così che si  instaurò il precedente emozionale per una relazione via sms.  La nostra era una vera e propria relazione “tecnologica”, al passo coi tempi. E comunque emotivamente non aveva nulla da invidiare a quelle di altri tempi remoti, in cui si scrivevano lettere d’amore, dove dalle parole scaturivano le emozioni. C’era una sola differenze: noi, invece delle parole usavamo immagini e  messaggi codificati.
Alla fine fui io a trasgredire le regole del gioco decidendo di partire per Monaco di Baviera ed incontrarlo.  Una volta arrivata nella città, mi resi conto che non mi importava più  incontrarlo subito, o meglio volevo prolungare l’attesa. Volevo che il desiderio durasse il più a lungo possibile… E così, scelsi di conoscerlo prima attraverso la sua città. Comincia a frequentarne i quartieri, a percorrerne le vie e in un mese scattai oltre 700 fotografie. E quelle che più esprimevano la mia passione per lui, gliele inviavo. Ecco come ho conosciuto Monaco di Baviera. Ho raccolto tutto e ne ho fatto un copione. Forse tra qualche anno diventerà un film… Per il momento ho scelto alcune fotografie che pubblico con questo post. Non si sa mai, magari ispireranno la fantasia di qualche altro viggiatore…

Muenchen mon Amour
(No) message

under this number


I arrived in Munich in the summer of the year 2008. I arrived there driven by the desire to meet Robert, a man with whom I had an unusual relationship via mobile phone. Our was a fatal attraction,  an art performance, the ispiration for a movie script.  It all started some time before in some odd cincumstances  in Venice. However at that time nothing anticipated the unusual conclusion of this unconventional love.

I met Robert at a conference in the island of San Servolo, where we had a flirt and then, driven by curiousity, I sent him an email. That email was strong enough to start an sms relationship. Ours was a ” technological” relationship but it had nothing to envy to those old times stories, when lovers used to write letters of deep sentimental complacency, where words touched lovers souls. The only difference was that we were using images and “coded” messages  instead of words.

At the end it was me who choosed to break the game rules and decided to leave for Munich. Once arrived there, I realized that I didn’t really care for meeting him by the way. I rather wanted to prolong my wait. I wanted my desire for him to last as long as possible… And so I decided to know him first through his city.  I began frequenting the city districts, taking long walks around them and in one month I made over 700 photos.  And  I sent him those that better expressed my desire for him. That’s how I came to know Munich. I’ve grouped words and images in a script. Who knows, maybe it’ll become a movie in a few years… For now I have choosed some  photos that I publish in this post.  Maybe they’ll inspire the imagination of other travellers…

By | 2021-08-22T16:37:45+02:00 Agosto 15th, 2021|arte, cultura, design, weekend bites|0 Comments

About the Author: